Consigli fotografici

Consigli fotografici

Print Friendly, PDF & Email

Fotografia di viaggio e consigli fotografici

consigli fotografici - fotografiCaro viaggiatore, questo è il primo di una lunga serie di articoli dedicati al mondo della fotografia. Ognuno di noi ogniqualvolta esplora un posto o si trova davanti ad un qualcosa che lo colpisce, sente l’esigenza di volerlo fermare nella propria memoria per poi, con calma, poterlo ricordare o rivedere quando lo si desidera. Quale mezzo migliore per averlo sempre pronto e disponibile se non una foto ben fatta che lo immortala? Con i miei consigli fotografici potrai anche tu avere delle splendide foto e poco importa se sia stata utilizzata una macchina fotografica o un cellulare, l’importante è che lo scopo sia stato raggiunto.

Se tu adori fotografare esclusivamente con il cellulare posso solo dirti di dotarti del migliore che ci sia in commercio, come l’ottimo Huawei P20 Pro. I telefoni più recenti sono dotati di due e, perfino, di tre fotocamere posteriori per cui la qualità raggiunta è senz’altro pari o superiore ad una vecchia compatta, soddisfacente per un uso “turistico” ma, ovviamente, non all’altezza di una buona reflex ma non preoccuparti anche per lo smartphone saprò darti i giusti consigli fotografici.

Se, invece, prediligi delle fotocamere reflex o sei appena approdato a questo mondo ti starai sicuramente chiedendo che cosa devi portarti, quali e quanti obiettivi avere e, più in generale, quali sono i componenti da acquistare per avere una buona attrezzatura di base.

Seguimi e ti darò dei suggerimenti sul come iniziare.

Consigli fotografici - Manuale Nikon D300

Premesso che non so che tipo di fotografo tu sia, parto dal presupposto che tu sia appena entrato in questo fantastico  mondo e che abbia un minimo di base. Se poi non la avessi, il mio consiglio è quello di leggere subito il buon vecchio manuale della fotocamera che, a mio avviso, rappresenta sempre il migliore punto di partenza sia per conoscere lo strumento che abbiamo tra le mani che per imparare i rudimenti della fotografia, considerato che nel manuale troverai consigli utili per le più svariate situazioni oltre, naturalmente ai miei consigli fotografici.

Avremo modo in seguito di approfondire la tecnica e cercherò, nel mio piccolo, di condurti ad un livello superiore con l’obiettivo di fare foto sempre più belle.

Dopo questa piccola presentazione direi che è arrivato il momento di passare ai suggerimenti che poi, in larga parte, sono quelli dettati dal buon senso.

Anche tu come me, probabilmente, ogni volta che stai per intraprendere un viaggio, lungo o corto che sia, la prima cosa che fai è quella di documentarti, cercando di organizzarti nel migliore dei modi. A maggior ragione se intendi portare a casa delle foto che rappresentino il posto che hai visitato. Pertanto ti dedicherai, come me, tramite guide o manuali cartacei o leggendo sul web i diari di chi ci è già stato, a prendere appunti su tutto ciò sembri rilevante compresi eventuali leggi e divieti per non incappare in qualche spiacevole situazione. Ricordati che pianificando il viaggio in anticipo non rischierai di tornare senza aver visitato i posti più caratteristici.

Ricorda, inoltre, che dopo aver pianificato così attentamente il viaggio, una volta giunto sul posto segui il tuo istinto e le sensazioni che provi. Scoprirai che, a volte, possiamo anche perdere un luogo che avevamo inserito nel programma di viaggio ma, in compenso, scoprirne di nuovi totalmente sconosciuti e non menzionati da alcuno.

Tu che tipo sei? Ti piace pianificare fin nei minimi particolari o preferisci lasciare tutto al caso?

Ad esempio, nel mio caso, pianifico i viaggi anche se, molto spesso, preferisco prendere tale pianificazione come un “consiglio” sul da farsi piuttosto che una vera e propria guida a cui attenersi scrupolosamente.

Dopo aver stilato un programma di massima, arriva il momento di decidere cosa portarsi dietro e qui iniziano i guai. Intendiamoci, se hai con te solo la fotocamera ed obiettivo standard, il problema è risolto ma se sei un vero appassionato, avrai sicuramente un’attrezzatura degna di tale nome e questo significa portarsi dietro tutto, con gli svantaggi legati al peso ed all’ingombro.

In quest’ultimo caso, immagino, avrai già una borsa o, meglio ancora, uno zaino fotografico.  Se hai delle lenti tuttofare, sicuramente il tuo ingombro sarà minore mentre se possiedi parecchi obiettivi fissi che, magari, coprono un buon range di focale, avrai a disposizione un corredo compatto e, probabilmente, molto luminoso che ti consentirà di fotografare anche in condizioni di scarsa luminosità.

Consigli fotografici - Obiettivo tutto fare 18-105mmIl mio consiglio è utilizzare: se prediligi le lenti tuttofare, a scapito della luminosità, un 18-105 o 140mm valido in quasi tutte le situazioni, dal paesaggio al ritratto, abbinato ad un buon zoom 70-300mm per tutte quelle situazioni in cui non hai la possibilità di avvicinarti; mentre se prediligi le lenti a focale fissa, direi che un 18mm, un classico 50mm ed un 85mm o 105mm possono coprire tutte le situazioni in cui potrai trovarti.

Molto dipende anche dal cosa tu intendi fotografare. Se ritieni di essere un paesaggista, allora, utilizzerai grandangolo ad oltranza, se, invece, un ritrattista un classico 50mm o 85mm. Questo per restare alle “categorie” più comuni ma, come puoi immaginare, le possibilità sono infinite per cui dovrai valutare tu ciò che ti interessa nel tuo viaggio per evitare di portarti dietro del peso inutile che mai userai.

Al di la di ciò che porterai, soltanto su un accessorio non sono ammesse deroghe e dovrai averlo sempre con te: il treppiede. Come avrai ben immaginato questo è l’unico “accessorio” che utilizzerai qualunque sia il tuo genere fotografico ed in qualunque condizioni di luce soprattutto quando comincia ad imbrunire. Io mi trovo molto bene con questo Treppiede trovato su Amazon, è piccolo quindi poco ingombrante ma al tempo stesso robusto ed il suo peso non è eccessivo.

Naturalmente i consigli fotografici che ti ho menzionato vengono meno se non hai con te una o più batterie cariche, carica batterie e schede di memoria. Pertanto assicurati sempre di averli nello zaino e non soltanto prima di partire ma anche quando sarai in giro.

Quando esistevano le fotocamere analogiche eravamo legati alle capacità dei rullini fotografici e, soprattutto, al loro costo. Infatti in ogni viaggio eravamo molto parsimoniosi nello scattare una foto e, quando decidevamo di farla, non sapevamo come sarebbe venuta fino al momento dello sviluppo. Con l’avvento del digitale tutto ciò è diventato storia remota. Oggi hai la possibilità di scattare migliaia e migliaia di foto ma sarebbe bene non scattare tantissime foto dello stesso soggetto soprattutto se ripreso in tutte le posizioni possibili ed immaginabili.

Cosa significa ciò? Semplice: poco è meglio. Cerca di scattare solo poche foto che contino davvero e, soprattutto, che diano un senso alla storia che vuoi raccontare.

Consigli fotografici - foto con orizzonte storto

Altro consiglio, anche se banale ma non per questo scontato, è quello di evitare, complice la fretta o l’eccitazione del momento, di scattare foto con orizzonti storti o, ancora peggio, con mani e piedi tagliati così come fare inquadrature centrali e foto esposte male o con sfondi confusionari.

Ricordati inoltre che, spesso, agli sconosciuti non piace essere fotografati; motivo per cui sarebbe opportuno cercare prima, armandoti di un bel sorriso, di instaurare un dialogo magari chiedendogliene gentilmente il permesso e, se acconsentono, mostrare loro come sono venuti e, magari, farsi consigliare su dove scattare altre belle foto. Se preferisci immortalare chiese e architetture, assicurati di non disturbare il traffico o infrangere le regole del posto.

A volte succede che siamo talmente presi dalla frenesia di fotografare che riprendiamo tutto ciò che capita a tiro e, per questo motivo, tra i consigli fotografici che ti sto fornendo, c’è anche quello di riporre la macchina fotografica e fermarti un attimo ad assaporare il momento, guardandoti intorno, osservando ciò che stai vedendo, gustandolo con tutti i sensi e poi, forse, riprendere a scattare.

Ricordati che non sempre devi farti fotografare davanti a tutti i monumenti. Inoltre i monumenti più famosi sono sempre affollati di turisti per cui se preferisci immagini prive di persone hai due alternative: armati di santa pazienza ed aspetti il momento buono o ti alzi all’alba in modo da essere sicuro di non trovare nessuno. Personalmente, anche se so perfettamente che all’alba non troverei nessuno e la luce sarebbe anche migliore, sono troppo pigro per alzarmi (suvvia anche io sto in vacanza) per cui cerco di scattare cercando di cogliere il momento opportuno con poca gente nel campo visivo della mia fotocamera.

Ti piacciono i programmi di fotoritocco? Se la risposta è affermativa, io ad esempio mi trovo molto bene con Adobe Lightroom allora è un obbligo scattare in formato RAW, con il quale, essendo un file grezzo, vengono immagazzinate più informazioni possibili e ciò sarà utile quando vorrai modificare le tue foto. Naturalmente dovrai scattare alla massima risoluzione possibile in modo da avere dei file ottimi da stampare.

Come ho già detto al principio, quando ci prepariamo per un viaggio, bisogna organizzarsi e ciò comprende anche il visionare foto scattate da altri fotografi.

Evita, per quanto possibile, di scattare foto cartoline per cui impara a cercare nuovi scorci, nuove inquadrature anche allontanandoti dai soliti tragitti turistici. Impara a giocare con luce ed ombre perché non sempre la luce ti sarà amica e tu, caro viaggiatore, molto spesso, sarai tutto il giorno in giro per cui ti capiterà di dover scattare nelle ore centrali dove la luce è più dura e perpendicolare e, in questi casi, potrai enfatizzare i colori che saranno più saturi.

Infine, quando tornerai, ricordati di scegliere solo gli scatti migliori e di scartare i doppioni- Fai una cernita in quanto è inutile conservare decine e decine di foto

I consigli fotografici che ti ho appena elencato sono solo alcuni piccoli suggerimenti utili che sento di darti soprattutto se sei alle prime armi. Naturalmente è mia intenzione continuare a fornirti tutte le informazioni necessarie per aiutarti a migliorare non solo la tecnica ma anche il tuo occhio fotografico.

Pertanto continua a seguirmi e “stay tuned”.

Ciao

Lascia un commento

Chiudi il menu
error: